Toolbar

2013

9 articoli

Venerdì, 24 Maggio 2013 17:59

Mirko g di brandimarte

Abiti unici, creati a mano con tagli e forme particolari, realizzati con sofisticate tecniche di lavorazione; possono essere visti solo con lo sguardo di chi li osserva, ma non possono essere definiti in un unico aggettivo. Definirli abiti risulterebbe banale e scontato, si tratta di arte contemporanea, lo stilista Mirko G Di Brandimarte usa la stoffa come la sua tela, creando un opera d'arte sull'abito. Uno di questi abiti è stato indossato anche da Ilary Blasi in una puntata delle Iene, scatenando non poche polemiche e critiche da ogni "ma", il suo stile può essere eccentrico, ma sicuramente rispecchia l'essere dello stilista stesso. I materiali usati sono scelti con cura e ricercati come i dettagli che rendono viva ogni creazione e valorizzano il corpo della donna che li indossa. Abiti dai colori tenui con dei tocchi di luce argentei che riflettono la luce e danno luminosità al vestito, come un gloss per risaltare le labbra di una donna. Si nota la cura con la quale sono confezionati e il tempo dedicato ad ogni capo, ma il risultato è spettacolare. Personalmente penso che un pò di brio faccia bene al settore, e poi tutti vogliono qualcosa di diverso, unico e fuori dagli schemi, sicuramente il fashion designer riesce a soddisfare queste esigenze.

mirko g di brandimarte 4fashionlook

mirko g di brandimarte 4fashionlook

mirko g di brandimarte 4fashionlook

mirko g di brandimarte 4fashionlook

mirko g di brandimarte 4fashionlook

www.mirkogdibrandimarte.com   facebook

Pubblicato in Moda
Martedì, 21 Maggio 2013 16:11

Nunettes capsule collection progetto moda

Ecco la capsule collection realizzata da diversi esponenti del settore per Nunettes, sono stai presentati al pubblico e agli addetti ai lavori giovedì 16 maggio al MIB in Piazza Affari a Milano.
Le lenti sono diventate i loro fogli bianchi creando modelli che rispecchiano la personalità stessa dei creatori. Fieri di presentare PROGETTO MODA per la parte creativa e per la parte benefica; infatti per ogni occhiale venduto attraverso il sito www.nunettes-italia.it verrà devoluta alla FONDAZIONE P.U.P.I. Onlus parte del ricavato, per i progetti che svolge dal 2001 in un'area estremamente disagiata di Buenos Aires.
Potete acquistarli direttamente dal sito www.nunettes-italia.it nello shop on-line oppure sulla pagina facebook.

nunettes 4fashionlook

nunettes 4fashionlook

nunettes 4fashionlook

nunettes 4fashionlook

nunettes 4fashionlook

nunettes 4fashionlook

nunettes 4fashionlook

www.nunettes-italia.it   facebook

 

Pubblicato in LOOK BOOK
Martedì, 21 Maggio 2013 10:41

OSPITI D’ECCELLENZA E MOSTRA FOTOGRAFICA

OSPITI D’ECCELLENZA E MOSTRA FOTOGRAFICA A ROMA

Accademia del Lusso ha organizzato una giornata dedicata all’arte, alla moda e alla cultura. L’appuntamento è giovedì 23 maggio 2013 a partire dalle ore 16.00 nella sede di Accademia del Lusso a Roma, in via Ludovico di Savoia 2/b (zona S. Giovanni); la partecipazione è gratuita e aperta a tutti. Partecipano due ospiti d’eccellenza, pronti a raccontarsi per condividere progetti e creazioni: Stefano Dominella, presidente della Maison Gattinoni, e Remy Verbanaz, creative designer e general manager di Media3. In occasione degli incontri sarà inaugurata God Save the Queen, la mostra fotografica realizzata dagli studenti di Accademia del Lusso, una reinterpretazione in chiave moderna delle regine più popolari.

Per informazioni:
Chiamare il numero 06 77591630 o scrivere a: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo." target="_blank">Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.   www.accademiadellusso.com

Pubblicato in News ed Eventi
Lunedì, 20 Maggio 2013 19:36

Francesca de blasi

A quale età scopre la passione per la moda?
La mia passione per la moda nasce all'età di 16 anni dopo aver seguito un corso di taglio e cucito. Al tempo ero agonista nelle danze latino americane e volevo poter realizzare autonomamente i miei abiti per le gare di ballo, ma immediatamente la passione per “creare” si estese all'abbigliamento in genere. Potevo far diventare realtà qualsiasi cosa immaginassi, quindi decisi di fare di questa mia passione il mio futuro e all'età di 18 anni mi trasferii a Milano per studiare Fashion Design al Politecnico di Milano.

Quali sono i primi passi che muove nel settore?
I primi grandi passi sicuramente nel novembre 2010 quando vinsi il contest europeo The Link organizzato da Mare di Moda al Palais De Festival a Cannes. Da quel momento è stato un susseguirsi di eventi,premi e sfilate.

Quante collezioni ha presentato fin ora?
Ho presentato due collezioni beachwear: Luxi de mari a mesudì, vincitrice del contest The Link a Cannes e vincitrice del prestigioso premio internazionale A'Design Award in A'Fashion, Apparel and Garment Design Award e Janas, presentata al Salone Internazionale del Beachwear a Firenze. Una capsule collection: Gilda & Metamorohosis, finalista del contest SMAC Fashion Award di Salerno e vincitrice del premio internazionale Golden A'Design Award in A'Fashion,Apparel and Garment Design Award A breve verranno presentate nuove collezioni beachwear e abbigliamento donna.

Un cantante per le sue canzoni trova l'ispirazione da una storia d'amore o da attimi di vita vissuta, invece una fashion designer come lei?
Assolutamente allo stesso modo. E' l'ambiente, la vita che ci circonda, le nostre esperienze ad influenzare la creatività di ciascun individuo..che sia cantante, artista o fashion designer.

francesca de blasi 4fashionlook

Dopo il beachwear arriva una collezione di nicchia "Gilda", abiti di alta moda, c'è li descrive?
La collezione “Gilda” è una capsule collection realizzata per lo SMAC Fashion Award di Salerno. Sensualità, seduzione, ricerca, sono le caratteristiche di "Gilda", che si ispira al celebre personaggio interpretato da Rita Hayworth nel film omonimo del 1946. Nel film di Charles Vidor, Gilda incarna la figura della femme fatale, l'oggetto del desiderio, una donna molto sensuale e attraente. Forte contrasto tra la luce e le tenebre, i vestiti sono tutti all black, presentano dei punti luce che esaltano la bellezza dei dettagli. Linee pulite, impreziosite con composizioni di petali di organza e Swarovski.

Cerca di ampliare il suo mercato puntando su un total look?
E' sicuramente uno dei progetti futuri. Mi piacerebbe ampliare il segmento beachwear al bambino e all'uomo.

Quali sono i tessuti più utilizzati per le sue creazioni?
Per il beachwear tessuti elasticizzati come la Lycra. Per l'abbigliamento il tessuto varia in base al capo da realizzare e al mood della collezione.

I suoi capi sono interamente realizzati da aziende italiane?
Attualmente i miei capi sono disegnati e realizzati interamente da me. Per il momento mi occupo personalmente dell'intero iter dalla progettazione alla realizzazione, soprattutto per il piccolo volume produttivo e la fascia prezzo elevata del prodotto. Tuttavia dovendo ampliare la produzione sicuramente collaborerei esclusivamente con aziende italiane.

francesca de blasi 4fashionlook

Durante la sua carriera ha vinto tanti premi; il più importante l'A Design Award, cosa ricorda di questo momento particolare?
La cosa che mi colpì  fu l'enorme diversità culturale, vi erano persone dalla Cina, Giappone, USA, insomma da tutte le parti del mondo e provenivano da diversi campi del design. Principalmente i premi erano assegnati ad aziende, multinazionali, team di professionisti del settore, io avevo partecipato da sola ed ero la più giovane, questo chiaramente è per me motivo di grande orgoglio.

Quale sarà il prossimo evento alla quale parteciperà?
Ho dei progetti in atto per l'estate ma ancora non possono essere svelati. Per rimanere aggiornati potete seguire il mio sito www.francescadeblasi.com oppure su facebook e su twitter.

Dove possiamo acquistare i suoi capi?
Potete contattarmi tramite il sito internet o tramite Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo." target="_blank">mail.

francesca de blasi 4fashionlook

Sogni nel cassetto?
Il mio sogno è riuscire a fare del mio talento il mio unico lavoro, poter crescere e sviluppare il mio progetto tra Milano e Sardegna.

www.francescadeblasi.com   facebook

Pubblicato in Interviste
Martedì, 14 Maggio 2013 19:47

Nunettes progetto moda Milano 16 maggio 2013

NUNETTES ITALIA – PROGETTO MODA

Milano, Maggio 2013

Nunettes Italia noto brand di occhiali da sole personalizzabili è lieta di presentare PROGETTO MODA. PROGETTO MODA: è un’esclusiva capsule collection disegnata da esponenti del settore moda. Le lenti degli occhiali sono diventate i loro fogli bianchi creando modelli carichi del loro mondo e della loro personalità. Ogni modello esclusivo racconta l’autore che lo ha creato. La presentazione si terra Giovedì 16 maggio 2013  nel noto locale milanese MIB in Piazza Affari (ingresso via Gaetano Negri, 10) dalle ore 21.
Fieri di presentare PROGETTO MODA per la parte creativa e per la parte benefica; infatti per ogni occhiale venduto attraverso il sito www.nunettes-italia.it verrà devoluta alla FONDAZIONE P.U.P.I. Onlus parte del ricavato, per i progetti che svolge dal 2001 in un'area estremamente disagiata di Buenos Aires..
Gli occhiali di PROGETTO MODA sono stati realizzati da: Alessandro Calascibetta, Alice Gentilucci, Alice Gentilucci for Nunettes,  Federica Rocca,  Giulia Smith, Ivo Bisignano,  Manuele, Manos Samartzis, Nunettes by Manos Samartzis. Marco Falcetta e Simone Guidarelli.

Per maggiori info sull'evento: www.nunettes-italia.it oppure su facebook

Pubblicato in News ed Eventi
Martedì, 14 Maggio 2013 14:59

Wàla

Due donne, un brand; ci parlate di questo connubio?
Si può dire che sia stato un connubio soprattutto tra designers prima che tra donne; ci siamo conosciute durante il primo anno della facoltà di Industrial Design, da subito è nato un rapporto di amicizia che si è consolidato negli anni, insieme ad una sintonia nel metodo progettuale. Ci siamo ritrovate nell’idea che il design potesse essere indossato, non a caso ci siamo entrambe laureate nel 2007 con progetti che riguardavano l’abbigliamento. Dopo la tesi abbiamo preso strade diverse, Fiorenza ha lavorato come grafica presso un azienda di comunicazione e sviluppo web, Giorgia si è occupata di ricerca e stile presso un azienda che produceva calzature. Poi, un paio d’anni fa, ci siamo ritrovate, con la stessa voglia di realizzare quel progetto che già immaginavamo durante l’università, ed è nata Wàla.

Di cosa si occupa Fiorenza? E Giorgia?
I primi periodi, in cui abbiamo sviluppato l’idea e realizzato i primi progetti, non c’erano distinzioni di lavoro, facevamo tutto insieme. Ora che il lavoro si è strutturato, seguiamo insieme la fase progettuale e creativa, suddividendo il resto per competenze e attitudine; Fiorenza si occupa della comunicazione, Giorgia della produzione e delle pubbliche relazioni. Certo i ruoli sono intercambiabili, dipende dalle esigenze del momento, fortunatamente tutto è avvenuto in modo molto naturale con una notevole elasticità nel lavoro, sicuramente non ci annoiamo mai!

Qual'è il "mood" di "Wàla-lab"?
Abbiamo fatto nostro il concetto perfettamente espresso da Antoine de Saint-Exupery – autore del libro “Il piccolo principe” - "Chi progetta sa di aver raggiunto la perfezione non quando non ha più nulla da aggiungere ma quando non gli resta più niente da togliere". Siamo convinte che un buon progetto per essere tale deve funzionare in modo semplice, senza elementi superflui. Proprio perché l’essenzialità è più difficile dell’eccesso, i nostri abiti hanno un carattere deciso ma al tempo stesso sobrio, adatto a diverse situazioni e diversi momenti. Sono delle strutture, delle tele bianche sulle quali dipingere, ci piace che ognuno possa creare il proprio mood, magari per cambiarlo la volta successiva, modificandolo e abbinandolo in modo differente.

Tagli particolari, ma nella loro complessità semplici; come riuscite a coniugare le due cose?
Fin dall’inizio ci siamo impegnate per ottenere delle trasformazioni semplici, concetto che è diventando il pilastro del nostro lavoro progettuale. Scegliere di “limitare” a 2 o 3 posizioni possibili un capo lo rende difficile da progettare ma più facile poi da capire e quindi da usare. Èuna sfida stimolante riuscire ad ottenere qualcosa di semplice partendo da un’idea complessa. Le linee ed i volumi creati in questo gioco di trasformazioni sono la forza stessa dei nostri abiti che nella loro unicità rimangono sobri e minimali.

walà 4fashionlook

Abiti dal doppio volto; cioè possono essere indossati ed interpretati in diversi modi; è lo stile del brand?
Si, nol solo lo stile ma il concept stesso da cui nasce il brand è la multifunzionalità, creiamo trasformazioni che soddisfano la voglia di cambiare e che si adattano a diverse situazioni e momenti della giornata. Abiti con un valore aggiunto che non limitano ma al contrario stimolano un’interazione con chi li indossa.

Un collezione con una palette colori molto minimal; si potrebbe definire London style?
Legandoci a quello già detto precedentemente, a livello estetico il colore è un elemento di “complessità”. Avendo un carattere ben definito con linee e forme particolari preferiamo usare colori e texture minimali, in questo modo chi li usa ha maggiori possibilità di abbinamento. Certamente usciamo dal classico made in Italy rientrando in uno stile che si avvicina più a quello nord europeo con contaminazioni nipponiche, ma cerchiamo comunque di conservarne l’eleganza e la sartorialità.

Che tipo di donna indossa "Wàla"?
Creando capi particolari ma non eccessivi abbiamo una vasta tipologia di clienti, dalle ragazze alle signore, tutte attente però alla propria particolarità ed unicità, che trovano il modo di caratterizzarsi al di fuori dalle mode stagionali, con uno stile mai noioso, curato e ricercato, sempre personale. Mai “fashion victim” sempre “fashion maker”.

L'Italia in questo momento vive un momento difficile, come si potrebbe rilanciare il made in Italy?
La crisi rende tutto difficile, ma è anche vero che crea uno spartiacque marcato tra innovazione e ripetizione, tra nuovo e obsoleto. Siamo convinte che investire su un prodotto “valido”, con una forte impronta creativa e di qualità, faccia già parte della soluzione per uscire dalla crisi. Investire in se richiede inoltre un po’ di coraggio, necessaria anche una buona dose di tenacia, non bisogna mollare e crederci molto, sapendo che anche avendo tutte le carte in regola comunque non è facile. L’importante è essere elastici e pronti a risolvere problemi e gli imprevisti che si incontrano strada facendo. La ricompensa per tutto l’impegno è sicuramente prima la soddisfazione personale, per quella economica invece pare ci voglia un po’ di più! Per quanto ci riguarda la crisi non è un ostacolo ma un punto di partenza, un capo che racchiude in se più funzioni e di qualità è “l’abito anti crisi”.

walà 4fashionlook

La vostra è una collezione interamente "hande made"?
Ci teniamo che i nostri abiti siano di qualità, per questo dopo aver realizzato i prototipi e scelto i materiali accuratamente, ci avvaliamo di sartorie qualificate che eseguono la produzione. Manodopera e materiali utilizzati sono tutti italiani, crediamo fortemente che uno dei nostri punti di forza è il made in Italy, soprattutto rispetto al mercato estero.

Ci descrivete un outfit per un aperitivo tra amiche?
Il comfort per noi è fondamentale, a maggior ragione se si pensa ad un outfit per una serata tra amiche. Vestire abiti che ci fanno sentire a nostro agio ma senza rinunciare allo stile ci consentono di essere rilassate con noi stesse e quindi anche con gli altri. Non c’è modo migliore di godersi una serata.

Qual è l'accessorio alla quale una donna non deve assolutamente rinunciare?
Per quanto l’accessorio sia un “più”, può essere l’oggetto tramite il quale ci si esprime maggiormente, una borsa o un bracciale possono dare un tono ad un intero look. Forse per questo diventa difficile standardizzarlo, per qualcuna può essere una cinta, per un'altra un paio di orecchini, che sia appariscente o solo un dettaglio, l’importante è che abbia carattere!

walà 4fashionlook

Dove possiamo acquistare i vostri capi?
La rete vendita è in forte crescita, attualmente siamo presenti in Italia presso diversi punti vendita:
VERNICE FRESCA (via Panisperna, 244, Roma)
WIMA VARSELLONA (Vico Belledonne, 13, Napoli)
GAYA DONNA (Via Alessandro scarlatti, 46, Napoli)
P.L.B. PROMOTING LUXURY BUSINESS S.A.L. (Via Cesare Rosaroll, Napoli)
SIRCA MEM (Corso Amendola, 17/19, Sarno)
UNTITLED (via S. Privitera, 39, Siracusa)
I DOROTEI (via Domenico Cimarosa, 158, Caserta)
All’estero abbiamo alcuni punti vendita in Belgio e Giappone. Stiamo sviluppando anche lo shopping online, contattandoci è possibile acquistare direttamente da noi e tra non molto saremo presenti su alcuni siti di e-commerce.

www.wala-lab.com   facebook

Pubblicato in Interviste
Giovedì, 09 Maggio 2013 16:04

Sarah mosse Minimale "capsule collection"

Riccione Moda Italia (concorso nazionale dedicato ai giovani designers in collaborazione con il gruppo MaxMara)e Il Filo che Unisce (Associazione e sostenitore di progetti moda-sostenibile) hanno selezionato e designato la designer Sara Pasquarelli al progetto internazionale“Moda-Sostenibile in Burkina Faso”. L’etica del progetto è quella di rivalutare, promuovere e sviluppare il lavoro artigianale, sottolineando il ruolo dei Paesi in Via di Sviluppo nel mercato del Fashion, con un’attenzione alle diverse forme di collaborazione tra profit e no-profit, ponendo una particolare attenzione all’aspetto eco-sostenibile al fine di difendere la salute dei lavoratori e rispettare l'ambiente. Il supporto e il contributo della designer Sara Pasquarelli è stato quello di apportare nuove idee creative ai  laboratori artigianali Africani della cooperativa Ivatex per migliorare le tecniche lavorative, sviluppando nuove tipologie di modelli, e per organizzare in termini tecnici i tempi e i metodi di lavoro.

sarah mosse 4fashionlook

Il progetto è in collaborazione con HELVETAS Swiss Intercooperation, associazione svizzera che ha lanciato nel Burkina Faso e in altri paesi dell'Africa occidentale (Mali, Senegal e Benin) un’iniziativa tesa alla promozione della produzione di cotone biologico ed equosolidale. È stata inoltre realizzata una Capsule-Collection ”minimale” firmata dalla designer per il suo progetto moda SarahMosse…“Les femmes” burkinabé dell’associazione  AFEPO hanno realizzato i tessuti manualmente, dalla raccolta del fiore del cotone, alla filatura, alla ritorsione del filato, per poi passare alla tessitura con i telai a pedali.Nel laboratorio Color de Sahel, le mani esperte degli artigiani del Bogolan, tecnica naturale con l’utilizzo dell’argilla, hanno disegnato sul tessuto il motivo rielaborato e ideato dalla designer. Nell’Atelier Co.Promo.F, le lavoratrici di Madame Thérese,  cuciono i  modelli dando forma al capo. 

sarah mosse 4fashionlook

                                                                                                                                                                                                                                 “Lavorare a questo progetto è stata una grande sfida, le difficoltà derivanti soprattutto dall’utilizzo di macchinari ed impianti sono state tante, ma riuscire a dar vita a dei capi unici e artigianali, è stata di grande soddisfazione. Un incontro di culture, uno scambio di tecniche, intrecciando e contaminando un’antica tecnica africana, il Bogolan, con uno stile vicino al nostro “made in Italy”, un incontro tra antico e moderno, tra semplicità e ricercatezza..”..Sara Pasquarelli.

sarah mosse 4fashionlook

www.sarahmosse.com   facebook

Pubblicato in Moda
Mercoledì, 08 Maggio 2013 21:49

kris'n'kris

Kris'n'kris t-shirt di lusso; oltre all'ipad e all'i-phone adesso si può comunicare anche tramite le tees "kris'n'kris, una collezione ampia con tanti messaggi simpatici, da indossare tutti i giorni, ma non solo, anche per un aperitivo o una serata in disco con un look più free.

kris'n'kris 4fashionlook

Possono rappresentare lo stato d'animo di ognuno di noi, basta scegliere la grafica più appropriata al nostro stato d'animo, come un cinguettio o un mi piace da indossare. A volte la semplicità di un messaggio può rendere unico un look, allora cosa aspetti??? Comincia a comunicare con "kris'n'kris", le puoi acquistare sul loro shop on-line e nei migliori negozi. Tieniti aggiornato sui nuovi modelli seguendo la pagina fan.

kris'n'kris 4fashionlook

www.krisnkris.com  facebook

 

Pubblicato in Moda
Sabato, 04 Maggio 2013 16:55

Before clothing

Before; un brand giovane e fresco nato tra la collaborazione di due amiche: Carlotta e Michela. La nuova collezione spring summer 2013 è caratterizzata da colori pastello che ricordano molto i toni autunnali, abiti che cadono divinamente sulle modelle, capi lunghi e corti che possono essere indossati in diverse occasioni. Si notano tanti dettagli che caratterizzano ogni pezzo della collezione, ed anche i tagli dei capi sono molto semplici e lineari, senza rendere banale l'abito o esasperarlo. A volte la semplicità rende un capo unico e particolare.

before clothing 4fashionlook

before clothing 3fashionlook

La stessa collezione rispecchia il carattere delle due creatrici, Carlotta fashion designer, quindi si occupa di tutto il processo creativo; ricerca di tendenza, di materiali, di colori e quant'altro. Mentre Michela si occupa principalmente degli accessori, ma cura comunque tutto il processo creativo dell'abbigliamento così come Carlotta contamina il processo creativo degli accessori. Si nota il lavoro certosino di entrambe le ragazza che rendono il brand appetibile e in linea con le tendenze di mercato. Capi che non hanno un target preciso di età, possono essere indossati da una teen e da una signora. Abiti versatili, sia nel taglio che nella vestibilità.

before clothing 4fashionlook

www.beforeclothing.com   facebook

Pubblicato in Moda
4fashionlook su Facebook   4fashionlook su Instagram   4fashionlook su YouTube